Vivi Tortona Home Page

VIVI TORTONA e dintorni

Informazioni e Accoglienza del Territorio (I.A.T.)


indice delle schede scheda precedente scheda successiva torna indietro
Sei qui: Home | LOCALITÀ

PIOVERA

Castello di Piovera Località
Piovera

E-Mail
info@comunepiovera.it

Link
sito ufficiale Piovera






Il Comune di Piovera sorge a 15 km. a nord-est del capoluogo di Provincia (Alessandria), in zona pianeggiante sulla sponda destra del fiume Tanaro. Ad una distanza simile sono posti i centri di Valenza e Tortona ed allargando il raggio a circa 100 km. ci sono i tre capoluoghi delle cosidette regioni del triangolo industriale: Torino, Milano e Genova. La centralità rispetto a questi grandi centri rende la posizione del paese invidiabile dal punto di vista delle infrastrutture viarie di importanza nazionale (A7, A21, A26). Il comune è marginale al Parco Fluviale del Po e dell'Orba ed ai sensi della L.R. n. 36/92 è inserito nel Piano socio-economico per la promozione e lo sviluppo delle attività compatibili relativo alla fascia fluviale del Po vercellese/alessandrino ed aree limitrofe.
 

La regione posta tra la confluenza del fiume Tanaro nel Po era denominata "Plovara" o "Pulveria"; la leggenda dice che San Siro, primo Vescovo di Pavia, intorno all'anno 77 d.C., sostò in zona per le sue predicazioni -probabilmente a Bassignana- e qui venne a contatto con le popolazioni che abitavano il territorio che ora corrisponde a Piovera mutandone il nome in "Piopera", da pia-opera. Altri ne fanno derivare il nome da "Plebata" (da sede di pieve), "Plubera" (da più fertile) o "Pioppeta" (da coltura dei pioppi). Di fatto la denominazione Plovara sopravvive nel primo millennio per definire la regione fino alla costituzione del centro abitato, dall'VIII al XII secolo, da cui emerge la denominazione Piopera, mutata definitivamente in Piovera alla fine della dominazione spagnola, nel XVI secolo. Fino alla caduta dell'impero romano la vita nella regione si svolse quietamente; seguirono le invasioni prima dei Longobardi e successivamente dei Franchi. Sul finire del '700 Carlo Magno dispose la costruzione del "Castrum" di Piovera e Rivellino (anch'esso nel territorio di Piovera); nacque così la prima fortezza, attorno alla quale sorse progressivamente il centro abitato in cui si trasferirono le popolazioni della campagna, sempre più soggette a continue aggressioni e scorrerie. Insieme con le prime case sorsero le fortificazioni e la porta con il ponte levatoio (ora monumento ai caduti); poiché le mura di cinta non furono mai completate la difesa del borgo era assicurata dall'allagamento del vallo. All'interno delle mura sorgeva la chiesa longobarda di San Michele, sostituita nel XVII secolo dall'attuale chiesa parrocchiale, mentre fuori dalle mura si trovava la chiesa di S. Giovanni Battista, sostituita dall'oratorio di San Giovanni nel XVIII secolo che conservò la torre campanaria del 1300. In aperta campagna era sita la chiesetta Mariana, risalente forse al VII secolo e ricostruita a metà del XVIII secolo. Il centro abitato in seguito si estese verso Ponte Goggi, la Salera e San Bernardo; successivamente lungo la strada per Alessandria e nella zona Abrà. Inizialmente il territorio di Piovera fu un beneficio ecclesiastico, da Carlo Magno fino all'epoca dei comuni, quindi feudo nobiliare, poi dominazione spagnola ed infine regno Sardo-Piemontese. Si succedettero i casati spagnoli De Sandez, Guzman ed Homodei, ed i Balbi di Genova; con l'estinzione del casato Balbi la proprietà si divide tra Odescalchi e D'Oria fino a pervenire all'attuale proprietario Niccolò Calvi di Bergolo. Il castello di Piovera, la cui attuale conformazione risale al XIII secolo, subì numerosi interventi, di cui uno sostanziale durante la dominazione spagnola che lo trasforma da fortilizio a residenza nobiliare. È tra i maggiori, per dimensioni, della zona; si tratta di un massiccio edificio quadrilatero, con torri ovali agli angoli e due grandi torri squadrate al centro dei lati maggiori. L'edificio è circondato da un profondo fossato. All'intorno sorgono innumerevoli edifici con destinazioni accessorie (abitazioni, stalle, depositi, laboratori, ecc.) che formano nell'insieme testimonianza architettonica di notevole pregio.
A corollario dell'edificato il vasto parco (circa 20 ettari), con i suoi viali alberati, le rogge, i prati ed altre edificazioni per le attività collaterali alla vita del maniero. Tutto il complesso risulta vincolato ai sensi della Legge n.1089/1939 ora D.Lgs. n. 490/1999. La testimonianza della dominazione spagnola si può cogliere invece all'esterno dell'abitato ove sorgono due cascine, Gusmana e Costantina, il cui impianto risale a quell'epoca.   Dell'altro fortilizio, Rivellino, permane l'antica struttura medievale - anche se nel corso degli anni ha subito rifacimenti e parte degli edifici annessi sono andati distrutti -ben visibile nella campagna a nord dell'abitato.
IL CASTELLO. L'attuale castello di Piovera è una poderosa costruzione in cui si fondono assieme l'antico ed il moderno. Esso è il risultato di radicali trasformazioni, avvenute nel corso dei secoli, dell'antico "Castrum Pioperae", citato nei manoscritti a partire dal X secolo. Le origini del maniero risalgono ai tempi di Carlo Magno e la sua funzione era -quasi unicamente- quella di garantire la sicurezza delle vicine vie di comunicazione e di proteggere le popolazioni della zona dai predoni. In seguito la fortezza fu avamposto del feudo locale, al confine con altri feudi bellicosi esistenti sulla sponda opposta del fiume Tanaro. La struttura originaria del fortilizio, nato solo con requisiti di solidità e di efficienza militare, venne totalmente rivoluzionata nel corso dei secoli, a seconda delle necessità vigenti. In particolare durante il periodo della dominazione spagnola (1500-1600) l'opera di trasformazione del forte fu radicale, dovendosi adattarlo a residenza marchionale. Vi posero mano dapprima i feudatari spagnoli dei casati di De Santez, Guzman ed Homodei, poi i Balbi di Genova, loro successori. Molti restauri e modifiche alle strutture del Castello si resero necessarie anche in conseguenza delle distruzioni belliche del secolo diciassettesimo. Varie volte esso fu occupato militarmente: ad arrecargli i maggiori danni furono i franco-savoiardi, i quali, nel novembre 1653, per nove giornate lo saccheggiarono ed infine lo incendiarono unitamente alle case del borgo. Tra le opere murarie del Castello l'unico manufatto rimasto in parte allo stato d'origine è la torre situata nell'angolo Sud-Est: intorno al 1950 minacciava di sfasciarsi nel corpo centrale e crollare, ma se ne scagionò il pericolo provvedendo a rinforzare e cinturare di ferro le sue strutture traballanti.

 
Telefono:
Municipio: 0131 698121
fax: 0131 698070
      

 Da Alessandria:(km 16 circa) - SS10 direzione Genova fino a Marengo, poi a sinistra direzione Castelceriolo-Lobbi-Piovera-Sale
 Da Torino e Piacenza: autostrada A21 Torino-Piacenza, uscita Alessandria est, direzione Lobbi-Piovera-Sale (km 6 circa dal casello)
 Da Genova e da Milano: autostrada A7 Genova-Milano uscita Tortona, poi SS211 direzione Sale (km 11 circa); da Sale direzione Grava-Piovera (km 9 circa)
 Da Vercelli e da Novara: autostrada A26 Genova-Gravellona Toce fino ad Alessandria, poi A21 direzione Piacenza, uscita Alessandria Est, direzione Lobbi-Piovera-Sale (km 6 circa dal casello)


Ultima Revisione: 11/30/2005 a cura della redazione IAT
Vivitortona.it è sponsorizzato da:Rivalta Logistica spa
CALENDARIO


Mappa delle località Mappa dei comuni del Tortonese Piovera Alluvioni Cambiò Isola Sant'Antonio Molino dei Torti Alzano Scrivia Pontecurone Castelnuovo Scrivia Tortona Viguzzolo Castellar Guidobono Sale Guazzora Casalnoceto Volpeglino Sarezzano Monleale Volpedo Pozzol Groppo Montemarzino Berzano di Tortona Montegioco Cerreto Grue Villaromagnano Carbonara Scrivia Spineto Scrivia Villalvernia Sant'Agata Fossili Gavazzana Carezzano Costa Vescovato Castellania Sardigliano Avolasca Casasco Momperone Brignano Frascata Garbagna Dernice Montacuto Gremiasco San Sebastiano Curone Fabbrica Curone Paderna