Vivi Tortona Home Page

VIVI TORTONA e dintorni

Informazioni e Accoglienza del Territorio (I.A.T.)


indice delle schede scheda precedente scheda successiva torna indietro
Sei qui: Home | LOCALITÀ

VILLALVERNIA

scorcio di Villalvernia Località
Villalvernia

E-Mail
info@comune.villalvernia.al.it

Link
Comune di Villalvernia
Pagina di Villalvernia nel sito "unione colli tortonesi)





Villalvernia, comune agricolo e industriale, è situato sulla destra dello Scrivia, laddove l’Appennino ligure termina e si apre sulla parte occidentale della pianura padana. Il capolluogo è formato da una parte più antica, che digrada sul fianco di un'altura, delimitata dal Rio Castellania, e da una parte più recente, lungo la statale dei Giovi. Il comune fa parte della Comunità collinare dei colli Tortonesi.
 

Le origini di Villalvernia risalgono all’alto Medioevo ma è possibile supporre che esso sia stato costruito su insediamenti di origine romanica. La località di Villa dipendeva anticamente dalla Mensa Vescovile di Tortona com’è documentato dai privilegi di Papa Adriano IV del 1157, di Alessandro III del 1161 e di Innocenzo III del 1198. Un documento del 1135 citerebbe l’esistenza del castello di Villa. Già nel XII secolo fu infeudata dai vescovi tortonesi alla famiglia Busseti.
Il suo nome attuale deriva dal fatto che nel XV secolo (precisamente nel 1413) divenne signore del luogo il nobile francese Guglielmino de la Tour d’Alvernia (morto prima del 1449) che, dopo aver occupato abusivamente quel castello nel 1407, ottenne in feudo il borgo di Villa da Filippo Maria Visconti, duca di Milano, con giurisdizione estesa alle località di Bossoleto e Vezzano, salvi i diritti della Mensa Vescovile per una metà di quei beni; in seguito i nobili della casa d’Alvernia furono per un secolo signori di Villa che a seguito di ciò mutò ilsuo nome in quello di Villalvernia. L’ultima erede degli Alvernia, Antonia, andò in sposa a Francesco Spinola feudatario di Cassano, portando in dote il feudo. Gli Spinola conservarono Villa fino al 1687 e nel frattempo Villalvernia era stata eretta in marchesato, a favore di Claudio Spinola, dal Re di Spagna Filippo IV. Acquistato nel 1688 dai Passalacqua il feudo rimaneva possesso della famiglia fino alla cessazione della feudalità (1797), ma conservarono il castello che nel frattempo adattarono a residenza signorile. Dopo la restaurazione sabauda, nel 1818 il paese divenne capoluogo amministrativo di mandamento, comprendente i comuni dell’antico Vescovato. Il palazzo comunale fu edificato alla fine del XIX secolo. Durante l’ultima guerra mondiale il paese, allora centro e deposito ferroviario di una certa importanza, visse una delle pagine più tragiche della sua storia per il massiccio bombardamento alleato del 1° dicembre 1944.
> Ambiente: nei pressi di Villalvernia, nella zona dell’area protetta dello Scrivia, si trova un punto importante di passaggio migratorio in cui vengono inanellate numerose specie di volatili.
> Festa patronale: 1ª domenica di ottobre

PERSONAGGI CELEBRI:
Generale Passalacqua: Giuseppe Passalacqua nacque a Torino il 9 dicembre 1794, suo padre era il marchese Luigi Matteo, la madre Vittoria Garetti di Ferrero. Inizialmente il giovane Giuseppe studiò legge, poi intraprese la strada delle armi. Al ritorno dei Savoia, che privilegiavano l’antica nobiltà piemontese, la sua carriera nell’esercito si svolse con continuità, ma senza particolare brillantezza. Il gradimento dei Savoia, soprattutto a Carlo Alberto, permise al Passalacqua di rimanere negli ambienti vicini alla famiglia reale e gli permise di svolgere incarichi delicati, quali contatti fra il Re ed il governo provvisorio di Milano, dopo le cinque giornate, nel 1848. Nel 1848 era colonnello comandante della brigata Casale e prese parte ai combattimenti di Goito, di Santa Lucia e di Milano. Nel novembre 1849 lo troviamo al comando della Brigata Piemonte, facendo parte della Quarta Divisione che era guidata dal sabaudo Duca di Genova. Giuseppe Passalacqua era un tradizionalista e come molti appartenenti agli ambienti nobiliari piemontesi non vedeva di buon occhio la guerra contro gli austriaci, sostenuta apertamente dagli ambienti liberali e democratici. Per quest’ultimo motivo il Passalacqua era sospettato e, inoltre, accusato di tiepidezza, ma seppe smentire i suoi detrattori compiendo fino in fondo correttamente il proprio dovere. Purtroppo, durante la battaglia di Novara, il 23 marzo 1849, nei pressi della chiesa del sobborgo novarese della Bicocca un colpo di fucile, sparato dalla vicina cascina Galvagna, colpì mortalmente il Passalacqua al fianco sinistro. Il 13 luglio 1849 il Passalacqua era insignito di medaglia d’argento al valor militare, con la seguente motivazione: “Morto sul campo di battaglia alla testa della sua brigata”. Nel 1925, il volume “Le medaglie d’Oro al valor militare” cita il gen. Passalacqua come decorato al valore con medaglia d’oro. Purtroppo, nessuno è riuscito a recuperare l’eventuale provvedimento che trasformo la medaglia d’argento di Giuseppe Passalacqua in medaglia d’oro. Ad ogni buon conto, dal 1925 in poi, del marchese Passalacqua si parla come di una medaglia d’oro. Oltre che a Tortona, il marchese di Villalvernia è figura onorata anche a Novara, dove gli fu intitolata una caserma e dove gli fu dedicato un artistico medaglione scolpito, opera del Dioguardi, inaugurato nel 1894. È sepolto nella chiesetta del Castello di Villalvernia, Sacrario dei Decorati al V.M. della Provincia. Inoltre, è la prima Medaglia d’Oro al V.M. delle Quattro Guerre per l’Indipendenza e l’Unità d’Italia.
 

Telefono:
Municipio: 0131 83152
      



Ultima Revisione: 11/30/2005 a cura della redazione IAT
Vivitortona.it è sponsorizzato da:Rivalta Logistica spa
CALENDARIO


Mappa delle località Mappa dei comuni del Tortonese Piovera Alluvioni Cambiò Isola Sant'Antonio Molino dei Torti Alzano Scrivia Pontecurone Castelnuovo Scrivia Tortona Viguzzolo Castellar Guidobono Sale Guazzora Casalnoceto Volpeglino Sarezzano Monleale Volpedo Pozzol Groppo Montemarzino Berzano di Tortona Montegioco Cerreto Grue Villaromagnano Carbonara Scrivia Spineto Scrivia Villalvernia Sant'Agata Fossili Gavazzana Carezzano Costa Vescovato Castellania Sardigliano Avolasca Casasco Momperone Brignano Frascata Garbagna Dernice Montacuto Gremiasco San Sebastiano Curone Fabbrica Curone Paderna